Idee e soluzioni per l'Industria

PANTHERA:

I Moduli



INFRASTRUTTURA D’IMPRESA

Sicurezza accessi informazioni strutturali
In Panthera il patrimonio informativo aziendale può essere utilizzato contemporaneamente sia in ambito interno all’azienda sia interaziendale, eliminando barriere che impediscono di snellire i processi e di creare più valore con una migliore relazione tra Clienti, Dipendenti e Fornitori. L’azienda ha a disposizione una base dati completa, totalmente integrata, le cui informazioni, sempre univoche, possono essere analizzate, interrogate e gestite con rigorosi criteri di protezione e con il totale controllo di chi vi accede. Le singole funzionalità sono organizzate in attività atte a combinare processi formali con flussi operativi personalizzati e basati sul ruolo del singolo utente per facilitare l’accesso diretto alle informazioni aziendali rilevanti per il proprio lavoro. L’architettura di Panthera include:

  • definizione del ruolo economico dell’utente per abilitare l’accesso al sistema e ai processi autorizzati; non c’è alcuna differenza tra interno ed esterno, la differenza è giocata dalla funzione attribuita all’utente.
  • configurazione della sicurezza dell’informazione: ogni utente riconosciuto ha accesso a specifiche funzioni applicative; le informazioni sono protette sino al livello del singolo dato.
  • integrazione dei servizi applicativi il sistema Panthera può scambiare informazioni a partire dalle suite di Office Automation (Microsoft Office, Open Office, StarOffice) sino ad interoperare con altre applicazioni gestionali, mediante WEB SERVICES, grazie all’utilizzo di standard XML.


L’Impresa che estende in rete i propri servizi applicativi risponde a precise esigenze dell’economia moderna di innovazione, collaborazione, competitività, i cui valori si giocano anche grazie alla velocità e capacità di condividere informazioni.
Si dilata la geografia degli interlocutori con cui l’Impresa deve trattare e si moltiplicano le opportunità commerciali.
Queste “reti lunghe”, in contrapposizione alle reti del distretto industriale tradizionale, “reti corte”, hanno bisogno di essere gestite con logiche e strumenti adeguati.

Sistema gestione qualità (Q.M.S. - quality management system)
Il sistema di Gestione della Qualità documenta la capacità dell’Impresa di fornire prodotti conformi alle istanze dei Clienti e agli ordinamenti ISO, con l’obiettivo primario di accrescere la soddisfazione del cliente attraverso il miglioramento del prodotto e dei servizi. Il Sistema Gestione Qualità di Panthera applica interamente e correttamente le norme ISO 9000 edizione 2000, che sottendono al miglioramento dei processi aziendali, con particolare attenzione verso:

Controllo Qualità: che comprende pianificazione, esecuzione e registrazione dei controlli; tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio e misurazione, rilevazione dei prodotti non conformi e dei difetti provenienti da:

  • lavorazioni esterne (Norma UNI EN ISO 9001:7.4);
  • produzione, sia all’avanzamento di attività lavorativa sia al versamento del prodotto primario o sottoprodotti (Norma UNI EN ISO 9001:7.5.1);
  • resi da Cliente.
I documenti di collaudo sono associati a specifici piani di controllo atti a gestire verifiche sia per variabili che per attributi. Attraverso l’identificazione della strumentazione sono previsti piani di controllo anche per i dispositivi di monitoraggio e di misurazione, per i quali viene indicata la periodicità delle tarature.

Non Conformità di prodotto: è il processo destinato al rilascio dei Rapporti di Non Conformità e Azioni Correttive per l’eliminazione preventiva delle cause rilevate o di quelle potenziali. La rilevazione dei prodotti non conformi e dei difetti è corredata di analisi di frequenza e importanza delle cause di difettosità mediante Analisi di Pareto. Lo scopo è quello di: osservare i problemi, determinare la loro frequenza, decidere gli interventi migliorativi.

Sistema di gestione documentale
Gli obiettivi di un Sistema di Gestione Documentale sottendono al miglioramento dell’efficienza interna dell’Azienda, al miglioramento del rapporto con i Fornitori e alla maggiore efficacia nei rapporti con i Clienti.
Gli obiettivi:

  • facile reperibilità del documento da qualunque luogo
  • disponibilità certa del documento
  • veloce individuazione del documento di interesse
  • riduzione dei costi di archiviazione
  • processo di approvazione per il rilascio di un documento
Il sistema di Gestione Documentale, in Panthera rappresenta un moderno ed efficace strumento di utilizzo strutturato dei documenti, all’interno del quale è possibile archiviare, consultare, modificare e distribuire, in modo controllato, documentazione di interesse, sia all’interno che all’esterno dell’azienda. Gestisce tutte le tipologie di documenti archiviabili sulla base di attributi statici predefiniti o definibili dinamicamente dall’utente associando diversi livelli di autorizzazione per revisione o consultazione. Uniformazione dei documenti aziendali, tempestività nel reperimento delle informazioni, univocità della documentazione in circolo sono i 3 vantaggi determinati dal sistema. La soluzione è completa del modulo di Conservazione Sostitutiva (deliberazione Cnipa 11/2004).

Workflow
Per processo di workflow si intende l’attribuzione di compiti da collaboratore a collaboratore e il passaggio di documenti da reparto a reparto secondo un insieme di regole dettate dalle procedure aziendali e, se previsto, coerenti con quanto indicato dal Sistema Qualità dell’azienda.

Panthera, il cui modello esecutivo è basato sui processi, automatizza le attività individuali eliminando i passi non necessari per incrementare l’efficienza delle risorse coinvolte e l’efficacia delle procedure.

I processi aziendali possono essere costruiti in base a esigenze distinte tanto da rendere il lavoro quotidiano più flessibile, maggiormente controllato e con elevato grado di qualità. Grazie al workflow di Panthera, ogni utente può eliminare i fattori di dispersione e i rischi operativi perchè agisce nel pieno rispetto alle procedure aziendali. Gli addetti coinvolti in processi decisionali sono in grado di verificare, approvare o respingere l’avanzamento di attività.

Esempi pratici sono rappresentati da: ordine di vendita: ricevuto a livello provvisorio, avanza di stato in stato sino ad approvazione. È indirizzato dal workflow Panthera, attraverso le fasi di verifica di affidamento del Cliente, valutazione della effettiva marginalità e di controllo della disponibilità del prodotto;
richiesta di approvvigionamento: viene analizzata dal workflow Panthera che controlla la reale necessità di approvvigionamento, verifica la congruenza rispetto ai budget di spesa e, quando non conforme ad uno o più livelli di controllo, viene inviata al responsabile di reparto per approvazione manuale, o, se entro i limiti di validazione automatica, viene destinata all’Ufficio Acquisti.



AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

Sicurezza accessi informazioni strutturali
In un contesto di forte rinnovamento la Funzione Amministrativa modifica il proprio ruolo che, oggi, non è più limitato alla rendicontazione di dati contabili e bilanci, ma partecipa attivamente nella definizione di sistemi e metodi di supporto ai processi decisionali. Gli investimenti aziendali, in un’area ritenuta tradizionalmente stabile, ritornano ad essere risolutivi quando finalizzati all’adozione di soluzioni applicative complete che garantiscano la misurazione dei risultati dell’Impresa. D’altro canto si pretende che un moderno sistema contabile soddisfi esigenze sempre più raffinate per valutare i risultati esaminando e confrontando contemporaneamente le viste: civilistica, fiscale e operativa. Panthera Amministrazione e Controllo fornisce risposta a occorrenze fondamentali dell’Impresa:

  • consuntivi accurati e bilanci rigorosi a cadenze temporali sempre più ravvicinate
  • intenso scambio di informazioni con Clienti, Fornitori e Collaboratori
  • stuazioni finanziarie anticipate per l’analisi dei flussi e per la copertura dei fabbisogni

Inoltre, il Sistema Amministrativo Contabile, grazie alla tecnologia moderna adottata, prospetta nuove opportunità per contenere i costi di gestione e di distribuzione delle informazioni. Un esempio: i comuni documenti cartacei quali: fatture, estratti conto, scadenzari, solleciti o altri necessari, vengono tempestivamente trasformati in documenti digitali e sono inviati, ai rispettivi destinatari, tramite e-mail o pubblicati sul sito internet aziendale. Spedizione o pubblicazione si compiono al verificarsi di eventi, configurati nel sistema di spedizione digitale (Panthera SSD), in base a logiche di presentazione personalizzate per singolo destinatario.
Il dominio Amministrazione e Controllo è stato progettato per soddisfare ogni esigenza al fine di determinare con elevata velocità il risultato aziendale.


Il processo di internazionalizzazione dei mercati richiede alle Imprese di affinare i tradizionali processi amministrativi e i sistemi di controllo dell’Impresa con il principale obiettivo di mantenere sotto costante osservazione i risultati di periodo rispetto ai relativi budget economici e finanziari.


I sottosistemi interdipendenti che costituiscono la piattaforma del dominio Amministrazione e Controllo sono:
  • Contabilità generale e iva, clienti, fornitori

  • Cespiti

  • Amministrazione agenti e provvigioni

  • Tesoreria

  • Controllo di gestione


Per queste ragioni si distinguono 3 tra i più rilevanti vantaggi:
  • incremento del livello di servizio tra le diverse unità operative dell’Impresa potenziando la dovizia delle informazioni,
  • ottimizzazione delle procedure di acquisizione e di condivisione delle informazioni potenziando l’accesso alle informazioni,
  • aumento dell’efficienza del personale amministrativo che deve essere liberato da operazioni di basso valore per focalizzare l’attività sulla relazione con la Clientela.

Contabilità generale e iva, clienti, fornitori
Contabilità generale e iva
Un avanzato sistema di analisi consente di esaminare la situazione patrimoniale ed economica dell’azienda ad una qualsiasi data, indipendentemente dagli esercizi effettivamente aperti, includendo o meno le diverse tipologie di movimenti provvisori. La particolare struttura dei saldi contabili permette, in fase di sovrapposizione d’esercizio, l’analisi della situazione patrimoniale del nuovo esercizio includendo i saldi dell’esercizio precedente e, in ogni momento, il confronto con la situazione patrimoniale di inizio esercizio.
Gestione clienti e fornitori
Panthera Amministrazione e Controllo comprende tutte le attività necessarie per gestire la situazione contabile Clienti, le rimesse e il credito che sono parte integrante del processo di definizione del Cash Flow, della gestione dei crediti insoluti e della valutazione dei rischi. Nell'ambito della Contabilità Clienti, le attività della gestione del credito consentono il controllo dei limiti di credito, l'approvazione dei Clienti, la definizione dei contatti, la verifica delle informazioni e la produzione di documenti tra i quali rivestono rilevante importanza:

  • gli estratti conto che forniscono informazioni complessive sulla situazione contabile, sulle rate scadute, a scadere e sull’esposizione degli effetti del singolo Cliente.
  • lo scadenziario che dà facoltà di controllare, in modo tempestivo la situazione dei propri crediti scaduti e di quelli prossimi alla scadenza con la possibilità di operare azioni finalizzate al recupero del credito.
L’efficace gestione del recupero crediti è finalizzata ad aumentare la produttività e la qualità del servizio erogato dall’azienda ai propri Clienti diminuendo, nel contempo, i costi di gestione Il totale controllo della situazione debitoria e pagamenti Fornitori sono processi atti ad esaminare la situazione Fornitori con puntuale precisione in modo che le disposizioni di pagamento non comprendano, inavvertitamente, forniture in contestazione per merce non confacente o per condizione contrattuali non previste. Lo scadenzario, quale strumento atto al controllo dei debiti, fornisce un quadro dei movimenti finanziari per la pianificazione delle uscite.

Cespiti
La gestione dei cespiti, sia immateriali che materiali, si basa su regole di ammortamento flessibili e innovative volte ad ottimizzare le informazioni di carattere economico, civilistico e fiscale per qualsiasi settore di attività. Le regole permettono di ottenere diversificate proiezione di calcolo delle quote di ammortamento, oppure elaborazioni e relative stampe fiscali, sia in funzione dei vari coefficienti di ammortamento, sia in funzione delle varie tipologie di ammortamento a cui un bene è assoggettato.

Amministrazione agenti e provvigioni
La gestione amministrativa degli Agenti di vendita richiede una complessa impostazione, idonea a soddisfare le molteplici sfaccettature che disciplinano i rapporti azienda / collaboratore. I contratti di agenzia, pluri o monomandataria, sono subordinati a norme civilistiche, fiscali e previdenziali assolte con accurata precisione in Panthera. Le attività legate al calcolo, alla maturazione e alla liquidazione delle provvigioni da conferire ad agenti e rappresentanti possono dipendere da eventi amministrativi quali: anticipi, addebiti e accrediti che, in base a diversi valori di riferimento, determinano il compenso maturato dall’Agente in un esatto periodo. Il sistema assolve in modo completo le problematiche connesse al Fondo Indennità di Risoluzione Rapporto (FIRR) ed ENASARCO.

Tesoreria
Il sistema concorre nello svolgimento dei processi operativi di previsione e controllo dei flussi finanziari e di coordinamento dell’esecuzione delle operazioni di tesoreria al fine di ottimizzare la gestione del rapporto tra azienda e sistema bancario e di garantire potere contrattuale all’Impresa. Le transazioni di tesoreria riguardano i movimenti bancari in senso lato, ovvero operazioni regolate su linee di credito di: banche ordinarie, istituti di credito, società finanziarie, cassa e conti intercompany intestati a società del gruppo; sono in stretta correlazione con le transazioni di contabilità a fronte di un’imputazione unica e coordinata di informazioni tipiche dei due sistemi. Il sistema si distingue nei seguenti processi operativi:

  • Controlo banche e riconciliazione estratti conto Per il controllo sistematico della corretta applicazione delle condizioni concordate con gli istituti bancari, tramite la verifica delle condizioni bancarie e il confronto tra le date valuta, le spese e gli interessi calcolati dal sistema con quelli effettivamente applicati. Il meccanismo automatico di riconciliazione estratti conto effettua la spunta tra i movimenti di banca, acquisiti tramite i servizi di remote banking, e i movimenti di tesoreria, per il periodo indicato dall’utente, in modo da evidenziare le rispettive divergenze.
  • Pianificazione liquidità È possibile la gestione anticipata dei flussi finanziari tramite la corretta pianificazione delle politiche di affidamento e di canalizzazione del lavoro bancario, grazie alla disponibilità di informazioni utili a conoscere in anticipo l’andamento dei movimenti finanziari in ingresso e in uscita, e a prevedere, nei dettagli, i saldi futuri delle diverse linee di credito.

Controllo di gestione
Il Controllo di Gestione, oggi essenziale per la guida dell’Impresa, fornisce un insieme di componenti applicativi atti a operare con grande flessibilità e capacità di adeguamento nel rispetto dei criteri contabili di quadratura e competenza delle registrazioni contabili.

CONTABILITÀ ANALITICA
Rispetto alle funzionalità di una contabilità analitica tradizionale, Panthera ha la possibilità di:

  • gestire registrazioni in valuta con conversioni valutarie sia immediate che differite;
  • effettuare controlli di quadratura fino al livello della divisione contabile;
  • classificare e riclassificare imputazioni e stampe di bilanci;
  • rilevare e calcolare varianti di prezzo e/o di efficienza;
  • calcolare costi unitari e utilizzare criteri statistici per elaborare cessioni interne di costi (Activity Based Costing)
  • collegarsi perfettamente a tutti i sottosistemi aziendali.
Grazie alle citate caratteristiche, l’azienda dispone di uno strumento completo per cui è possibile parlare di una vera e propria Contabilità Gestionale secondo il modello della contabilità anglosassone.

CONTROLLO DI GESTIONE
Il controllo di gestione è il sistema volto a indirizzare il management verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti in sede di pianificazione operativa rilevando, attraverso la misurazione di appositi indicatori, lo scostamento tra obiettivi pianificati e risultati conseguiti e informando di tali scostamenti gli organi responsabili affinché possano decidere e attuare le opportune azioni correttive. Panthera Controllo di Gestione è in grado di produrre analisi in modalità sia Direct che Full Costing. Essendo dotato di un sistema di acquisizione di dati budget e di un reporting totalmente configurabile è possibile mettere a confronto budget e consuntivi su qualsiasi intervallo temporale e su qualsiasi combinazione degli oggetti del controllo. Il processo di controllo di gestione si svolge secondo un ciclo periodico articolato nelle fasi di:

BUDGETING
Attraverso questo strumento gli obiettivi operativi vengono resi misurabili con la definizione di indicatori e di un target; vengono corredati della previsione del costo delle risorse e assegnati ai centri di costo responsabili.

ANALISI SCOSTAMENTI
La misurazione periodica degli indicatori, attraverso differenti sistemi di analisi dei risultati e dei costi (Direct Costing, Full Costing, Activity Based Costing), permette al management di riscontrare immediatamente cause e criticità degli scostamenti rispetto agli obiettivi programmati.

REPORTING
Il ciclo di controllo di gestione si chiude con la fase di reporting, ossia la trasmissione ai centri di responsabilità e al Vertice aziendale di sintesi informative sulla misurazione finale degli indicatori. Il sistema di reporting permette l’accesso a un ambiente di analisi in cui reperire le informazioni per eleggere azioni correttive più tempestive ed efficaci.



VENDITE E CRM

Sicurezza accessi informazioni strutturali
I domini applicativi VENDITE e CRM automatizzano l’intero processo di vendita dal contatto iniziale con il cliente, attraverso la gestione dell’ordine sino alle fasi di spedizione, per completarsi con il servizio continuo di post-vendita. Nello svolgimento del processo sono stabilmente presenti 3 importanti obiettivi: accrescere la fidelizzazione della clientela, gestire efficacemente la relazione con ogni singolo Cliente, ottenere vantaggio competitivo e prevalere sulla concorrenza.
Alle aziende, dunque, spetta volontà di innovazione adottando sistemi di vendita efficienti la cui valenza strategica è legata, da un lato al conseguimento di competitività, dall’altro a misurare la profittabilità del Cliente nel tempo.
Perciò gli obiettivi a valore aggiunto del dominio Vendite e CRM Panthera tendono a fornire nuove proposte per l’incremento dei profitti a:
Funzioni Direttive aziendali - un quadro completo e sempre aggiornato del portafoglio ordini propone il controllo del costo del venduto. Grazie all’analisi delle attività di vendita si provvede a determinare, inoltre, il valore generato dal Cliente lungo il ciclo di vita della sua relazione con l’Impresa.
Clientela, Rete di Vendita e Funzioni Commerciali - la tecnologia web offre facoltà di interoperare con l’azienda. Tramite browser, in tempo reale, il Cliente può accedere al sistema informativo per semplici comunicazioni, evidenziare eventuali urgenze o per azioni più complete che vanno dall’immissione di ordini, alla consultazione dello stato di avanzamento commessa, sino ad interrogare la prima data di consegna possibile per singola riga d’ordine (A.T.P. - Available to Promise).


Le Imprese attuali si trovano ad affrontare sfide complesse in condizioni di mercato estremamente competitive. L’ottimizzazione della rete di vendita e nuove politiche commerciali sono utili, ma non più sufficienti per garantire successo. L’azienda si riorganizza per rispondere a nuove esigenze, ieri guidate dal mercato, oggi dai bisogni di ogni singolo cliente che richiede una più ampia gamma di prodotti, maggiormente specializzati e personalizzati, in tempi di consegna ristretti.


Il sistema si distingue nei processi operativi di:
PRE-VENDITA
  • Definizione delle Condizioni Generali di Vendita
  • Definizione dell’Offerta per Cliente
  • Marketing operativo (generazione contatti e opportunità)
  • Gestione del Cliente
VENDITA
  • Negoziazione e raccolta ordini
  • Gestione ordini e degli Eventi e di modifica
  • Evasione degli ordini e programmazione delle spedizioni
  • Perfezionamento della vendita (documenti e contabilizzazioni)
  • Analisi vendite e reporting commerciale
POST-VENDITA
  • Assistenza al Cliente
  • Gestione delle richieste informative e di intervento
  • Prestazioni di assistenza
  • Analisi e misurazione servizi
I vantaggi:
  • massimizzazione del profitto tramite l’impostazione di una stretta relazione con la Clientela
  • miglioramento dell’efficienza operativa del processo di vendita attraverso l’analisi delle vendite
  • risparmio dei tempi e dei costi di gestione dell’ordine
  • controllo dell’intero ciclo di vita e del processo di avanzamento dell’ordine in tutte le sue fasi
  • flessibilità e adattabilità dei processi esecutivi in grado di cambiare al pari con l’evolvere dei modelli di business dell’azienda
  • facilità di distribuzione e di accesso controllato alle informazioni grazie alla tecnologia web-based


Pre vendita
I principali processi di Pre-Vendita regolano la pianificazione e la formalizzazione di un’adeguata offerta commerciale dell’Impresa in rispondenza alle esigenze dei Clienti. Definite le condizioni generali che caratterizzano l’offerta aziendale in riferimento a: segmentazione dei prodotti per linee commerciali e sub-raggruppamenti di maggiore dettaglio, catalogazione della Clientela rispetto a differenti dimensioni di analisi (es: fatturato, rapporto previsione/consuntivo dell’ordinato a quantità o a valore, marginalità), metodologia di incentivazione della forza vendite, vengono definite le modalità di offerta e le politiche commerciali opportunamente personalizzate per garantire la soddisfazione delle richieste di ogni Cliente. Ne risulta un quadro informativo completo su cui eseguire azioni di marketing orientate alla generazione di nuovi contatti (Prospects) e di opportunità (Leads). Sul versante “Clienti acquisiti” si approfondiscono consapevolezza e conoscenza che ritornano ad essere patrimonio quantificabile dell’Impresa piuttosto che conoscenza del singolo agente. Per ogni Cliente, infatti, sono conservate informazioni attinenti a: prodotti offerti, ordinati, consegnati o resi, prezzi praticati, azioni promozionali, modalità distributive, aree e tempi di consegna, offerte commerciali e loro esito. Al processo di pre-vendita spetta la redazione di offerte commerciali che, in seguito a negoziazione verbale o digitale (es: scambio di e-mail, condivisione su rete internet dei documenti di offerta) possono confluire nel processo di vendita mutando lo stato del documento da offerta in ordine da approvare.

Vendita
Il processo di vendita è costituito dall’insieme di attività per acquisire e gestire ordini di diversa natura - estemporanei, programmati, aperti – ricevuti dal Cliente, attraverso differenti sistemi e modalità di acquisizione che comprendono anche terminali palmari e transazioni e-commerce. Il sistema interattivo e parametrico di approvazione del documento ordine (workflow) ha il compito di verificare la congruenza dell’offerta con il relativo ordine e il rispetto delle condizioni aziendali di fornitura. I processi esecutivi principali sono:

  • RICEVIMENTO ORDINI
    con metodologie tradizionali sino ai più evoluti sistemi di interscambio mediante browser e Web Services (multicanalità, multimodalità).
  • GESTIONE DELL’ORDINE E DEGLI EVENTI DI MODIFICA
    Gli addetti alle vendite hanno costante disponibilità di informazioni per controllare l’approssimarsi delle fasi più importanti sino alla completa evasione dell’ordine Cliente.
  • EVASIONE DEGLI ORDINI E PROGRAMMAZIONE SPEDIZIONI
    In modalità presidiata l’operatore decide quali ordini evadere In modalità automatica (non presidiata) il sistema, su regole configurabili, organizza l’evasione ordini.
  • PERFEZIONAMENTO DELLE VENDITE
    Emissione documenti di vendita e contabilizzazioni
  • ANALISI VENDITE E REPORTING COMMERCIALE
    Sistema di analisi, in tempo reale, con reports e grafici di misurazione multidimensionale

Post vendita
Un processo di post-vendita, ben organizzato, assicura tempi di reazione rapidi alla soluzione di problemi o criticità riscontrate dal Cliente e sovrintende all’esecuzione di servizi preventivi di assistenza e manutenzione programmata ai prodotti venduti o richieste informative. Il post vendita, concorre ad impostare un profittevole rapporto di lungo periodo con la clientela. I processi principali soddisfatti dal sistema sono quelli tipicamente riferita a:

  • Customer Care e Help Desk
  • Assistenza Tecnica
In entrambi i casi il sistema propone una visione completa del Cliente riferita a: posizione contabile, trattative aperte, prodotti già acquisiti, stato di avanzamento degli ordini in essere, interventi tecnici effettuati, prenotati o preventivati. Ogni tipologia di intervento eseguito, viene conservata e resa disponibile a tutti gli addetti favorendo, da un lato il rispetto delle condizioni pattuite di servizio (S.L.A - Service Level Agreement), dall’altro un importante patrimonio informativo e di conoscenza per lo sviluppo di nuovi prodotti e il miglioramento di quelli esistenti.



ACQUISTI

Sicurezza accessi informazioni strutturali
La riduzione del costo degli approvvigionamenti condiziona automaticamente l'aumento del livello di competitività nel rapporto con il mercato e la concorrenza. La gestione ottimale degli acquisti, dunque, è rilevante per l’Impresa che volge particolare attenzione a migliorare il risultato complessivo di valore aggiunto, cioè il rapporto tra il costo complessivo delle materie prime o accessorie e il valore del prodotto finito.
La funzione acquisti è preordinata a due distinti momenti: quello della contrattazione cui segue l’acquisto.
La contrattazione implica una capacità di attenta analisi delle opportunità di approvvigionamento con la ricerca di nuove fonti e la conseguente valutazione nell’ambito di un Piano d’Acquisti preordinato e pianificato; in buona sostanza il Piano di Marketing degli Acquisti.
Il processo d’acquisto sfrutta le leve contrattuali disposte dal marketing degli acquisti per l’ottenimento delle migliori condizioni possibili tali da soddisfare la specifica richiesta di fornitura. Le politiche di acquisto preferibili non sono sempre subordinate al miglior prezzo, ma più frequentemente al miglior compromesso tra prezzo, qualità della fornitura, qualità del servizio di fornitura.


Fare leva sulla riduzione del prezzo di fornitura non è più sufficiente per soddisfare le necessità correnti dell’Impresa, ma sempre più intensamente è indispensabile ricorrere a tecniche negoziali maggiormente incisive che possono essere affinate solo mediante l’ausilio di un sistema che assicuri l’intera gestione del processo d’acquisto.



Il sistema Acquisti in Panthera è stato organizzato per assolvere a:

MARKETING DEGLI ACQUISTI
  • Definizione dei Rapporti di Fornitura
  • Definizione dei Contratti
  • Analisi dei Fornitori

ESECUZIONE DEGLI ACQUISTI
  • Richieste di Approvvigionamento
  • Richieste di Offerta
  • Ordini di Acquisto, Ordini Aperti, Contratti
  • Esecuzione dell’Ordine

S.C.M. (SUPPLY CHAIN MANAGEMENT) GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA
  • Gestione del Conto Lavoro
  • Certificazione Approvvigionamenti
  • Valutazione dei Fornitori

I vantaggi:
  • Miglioramento del processo di acquisto
    L’intero processo di acquisto è automatizzato, integrato e condiviso sulla filiera di fornitura (Supply Chain). I compiti ricorrenti sono delegati al sistema, gli addetti si dedicano alle attività a più alto valore, gli errori di processo si riducono drasticamente.
  • Riduzione di costi e tempi
    Il sistema riesce a portare in evidenza i migliori offerenti per qualità della fornitura. La contrattazione del rapporto può essere portata in rete ed assolta in tempo reale. Dispone e organizza le informazioni per una accurata analisi delle performance del Fornitore.
  • Controllo della conformità alle politiche di acquisto
    Il processo identifica e segnala richieste di approvvigionamento e foniture non in linea con le politiche aziendali di acquisto predefinite.

Marketing degli acquisti
La trasposizione delle strategie e delle moderne tecniche di marketing in ambito acquisti consente di ottenere vantaggi tali da mettere la propria Impresa in condizione di competitività rispetto ai concorrenti.
  • DEFINIZIONE DEL PIANO DEGLI APPROVVIGIONAMENTI La formulazione della strategia di acquisto scaturisce dalla combinazione coerente del mix delle leve decisionali (prodotto, prezzo, fonti e relazioni).
  • DEFINIZIONE DEL CATALOGO FORNITORI In questa fase, attraverso i canali informativi disponibili (offerte dai fornitori, scambi di informazioni, siti internet), il responsabile acquisti ricerca, valuta e classifica le fonti di approvvigionamento attuali e potenziali. Il catalogo fornitore (catalogo esterno) arricchisce la base informativa aziendale ed estende le potenziali fonti di consultazione a corredo dell’Ufficio Acquisti.
  • DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI FORNITURA Il processo soddisfa la fase di negoziazione delle condizioni di fornitura. Dispone la definizione di listini di acquisto e i relativi aspetti contrattuali. Costituisce la base per la definizione di ordini aperti e contratti quadro.

Esecuzione dell’ordine
Il processo di esecuzione dell’ordine comprende tutte le attività relative alla generazione e trasmissione di un ordine d’acquisto, attraverso:
  • RDA (RICHIESTE DI APPROVVIGIONAMENTO)
    Il sistema classifica gli utenti autorizzati ad inviare RDA all’Ufficio Acquisti. Il processo di trasformazione da RDA a richiesta di offerta, o ordine di acquisto, è guidato da workflow per il controllo della congruenza dell’ordine e il rispetto delle politiche aziendali di acquisto.
  • RDO (RICHIESTE DI OFFERTA)
    I Fornitori a cui inviare le richieste di offerta sono individuabili mediante suggerimento del sistema. L’utente può gestire i ritorni d’offerta e le assegnazioni evadendo la richiesta accettata con un contratto o un ordine di approvvigionamento
  • ORDINI DI ACQUISTO
    Le tipologie d’ordine, nel processo Acquisti, sono:
  • ACQUISTO DI MATERIALI, PRODOTTI, SERVIZI
    Il portafoglio ordini può essere alimentato manualmente attraverso l’analisi delle informazioni storiche che, in Panthera, identificano il miglior Fornitore e le condizioni di offerta ottimali per rispettare i fabbisogni dell’Azienda, o mediante processo automatico, basato su parametri preconfigurati e specifici per tipologia di acquisto.
  • CONTO LAVORAZIONE
    Gli ordini di Lavorazione Esterna seguono il flusso informativo dei materiali di proprietà dell’azienda che vengono inviati a terzi per trasformazioni esterne; si distinguono in: a. Ordini di lavorazione: riferiti ad un’operazione specifica del ciclo di lavorazione del prodotto. Il sistema definisce l’elenco dei componenti da inviare al terzista e innesca l’avanzamento dell’ordine di produzione. b. Ordini di prodotti: riferiti ai prodotti semilavorati realizzati completamente all’esterno per i quali i materiali necessari sono prelevati dal magazzino aziendale e assegnati al terzista.

S.C.M. (Supply Chain Management) – Gestione delle forniture
Il sistema S.C.M. di Panthera rappresenta una nuova opportunità per le Imprese, poichè aiuta a reinterpretare i propri metodi di gestione dei rapporti con i Fornitori in un’ottica di ottimizzazione dei processi e di riduzione dei costi e dei tempi di approvvigionamento, massimizzando il livello di servizio al Cliente.
Con l’utilizzo della tecnologia, basata su servizi internet, a costi molto contenuti è possibile mantenere in contatto sincrono i processi operativi dei Fornitori con quelli dell’azienda. Le informazioni condivise partono sin dalle prime fasi di progettazione, attraversano la pianificazione dei fabbisogni sino all’acquisto e ricevimento di materiali e servizi. Con i Fornitori si condividono le richieste dei Clienti per favorire la collaborazione dell’intera catena di fornitura. Panthera si basa sull’unione virtuale dei reparti interni dell’azienda con i Fornitori di conto lavoro. Il processo di ricevimento dei materiali attesta l’entrata dei materiali basando i controlli di correttezza sui rispettivi ordini di acquisto. È in questa fase che vengono individuati i prodotti da destinare al controllo qualità e al collaudo.
Il processo di certificazione degli acquisti verifica la congruenza della fornitura rispetto alle quantità riscontrate nella fase di ricevimento e alle condizioni economiche stabilite nell’ordine Fornitore; i successivi controllo automatici di tipo amministrativo-contabile predispongono la contabilizzazione dei documenti. Le anomalie derivanti dai controlli sono condivise sia con il Fornitore sia con i Responsabili dell’Impresa che, in tal modo, sono facilitati nell’apportare le opportune azioni correttive a cui conseguono blocchi automatici di pagamento fatture e la relativa valutazione del Fornitore.


PRODUZIONE

Sicurezza accessi informazioni strutturali
Con lo sviluppo delle recenti metodologie e delle attuali tecniche produttive cambiano i mercati, si accorciano i cicli produttivi, diminuisce il tempo utile per le decisioni aziendali; i sistemi della qualità, la progettazione, il controllo di avanzamento della produzione, il monitoraggio di fabbrica, i servizi di manutenzione interna ed esterna sono processi tra loro sempre più rigorosamente sincronizzati che richiedono di esaminare e coordinare le interazioni tra le diverse risorse da cui sono resi operativi: operatori interni e fornitori di conto lavoro, macchine, utensili, attrezzature.

Tutti questi elementi hanno impatti rilevanti sulla scelta di un sistema di gestione e controllo della produzione, perché obbligano l’azienda a porre attenzione sulla flessibilità e sulla capacità di configurazione e modellazione del sistema. Negli ultimi tempi, infatti, sta aumentando l’esigenza di procedere a una migliore conformazione dei metodi produttivi a causa del ridotto ciclo di vita dei prodotti, dalle loro frequenti modifiche e dalle politiche obbligate di riduzione delle scorte che seguono la riduzione dei margini di profitto.




La gestione dei processi di fabbricazione è una necessità divenuta improrogabile in seguito alla tendenza dei sistemi di pianificazione e programmazione della produzione a divenire più completi e articolati.

Il sistema si distingue nei processi operativi di:
CONFIGURAZIONE METODI PRODUTTIVI (D.E.M. - Dynamic ERP Modeler)
  • Configurazione del Sistema Impresa
  • Configurazione degli Attributi di Produzione

PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE (A.P.S. - Advanced Planning & Scheduling)
  • Definizione Piano Principale di Produzione
  • MRP-II - pianificazione materiali
  • APS - pianificazione risorse a capacità finita

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO (S.F.C. - Shop Floor Control)
  • Programmazione e schedulazione eventi
  • Raccolta dati di avanzamento e controllo
  • Chiusura processo produttivo e consuntivazione
Ne derivano alcuni vantaggi che rappresentano una prima e importante forma di miglioramento:
  • Individuazione delle attività utili
    il sistema analizza le risorse impiegabili in un determinato processo produttivo selezionando quelle più adeguate all’esecuzione,
  • Controllo delle diverse fasi di processo:
    ogni risorsa è tracciata dal momento dell’impiego per tutta la filiera produttiva; in tal modo si ottengono informazioni aggiornate atte ad individuare fabbisogni non rispettati e a controllare le criticità estemporanee,
  • Gestione ottimale della Catena di Fornitura
    così da gestire in modo coordinato i processi di business con fornitori di materiali e fornitori di conto lavoro assicurando loro maggiore visibilità sulle attività esterne all’azienda con il conseguente migliorare dell’accuratezza dei processi decisionali.

Azienda vitale e gestione razionale sono una necessità cardine della nuova Industria che deve controllare il sistema produttivo a 3 livelli:
  • livello tattico: la pianificazione
  • livello operativo: la programmazione
  • livello di controllo: la rilevazione

La prima condizione che si deve verificare, dunque, è quella di disporre di una soluzione applicativa che:
sappia aggregare i processi d’Impresa lungo tutto l’asse aziendale,
riconosca le risorse a cui attingere per continuare il processo anche in presenza di eventi critici,
fornisca informazioni di supporto decisionale.

Una soluzione che migliori le procedure operative senza imporre modelli organizzativi.

Il dominio applicativo di Gestione della Produzione, in Panthera supporta i processi tipici delle aziende, dalle più semplici sino alle realtà più complesse, in cui i metodi produttivi: Produzione per Magazzino, Produzione su Ordine, Assemblaggio su Ordine e Progettazione su Ordine si sovrappongono, configurandosi in modelli ibridi di produzione.

L’impostazione data al sistema Panthera di Gestione e Controllo della Produzione è un’innovazione rilevante e costituisce, al tempo stesso, una risposta al bisogno delle Imprese di essere governate in modo più efficace adattandosi al modello di gestione per processi introdotto dal sistema qualità Vision 2000

CONFIGURAZIONE METODI PRODUTTIVI (D.E.M. - Dynamic ERP Modeler)
I processi di configurazione del metodo produttivo aziendale rispondono all’esigenza di adattamento dell’Impresa ai mutamenti organizzativi indotti dalla competizione sul mercato. In particolare vengono definiti i modelli e gli strumenti necessari per: la pianificazione, la gestione e il controllo del sistema produttivo: Il flusso dei semilavorati, l’orizzonte temporale di produzione, le attività di lavorazione dislocate su uno o più siti differenti sono alcune delle caratteristiche che hanno importante rilievo e che caratterizzano fortemente il modello di utilizzo del sistema APS Panthera.

Grazie al sistema di modellazione è possibile simulare la ristrutturazione di processi misurando gli impatti sulle funzioni aziendali.

Gli elementi principali di configurazione del sistema Impresa sono riferiti a:

  • MODELLI DI GESTIONE PRODUTTIVA (Produzione a Scorta, su Ordine, su Assemblaggio, su Commessa)
  • POLITICHE DI PIANIFICAZIONE (MRP-II, APS, su orizzonte finito o a capacità infinita, regole di dimensionamento dei lotti di produzione, ...)
  • DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA DI UN IMPIANTO PRODUTTIVO (mono/multi-Stabilimento, mono/multi-Magazzino, localizzazione, organigramma Impresa , skill delle risorse, ...)
Gli elementi di configurazione degli attributi di produzione sono:
  • MODELLO PRODUTTIVO (DATI TECNICI): supera i limiti intrinseci dei sistemi basati su distinta base dei materiali poiché, nel modello produttivo, sono aggregate e ordinate informazioni tecniche, di costruzione ed economiche di un assieme di produzione, quali: materiali e componenti, risorse umane dirette, risorse di conto lavoro, macchine, strumenti e documentazione.
  • SCHEMI DI CODIFICAZIONE DEL PRODOTTO: è un insieme di regole, derivanti dalle caratteristiche del prodotto, il cui fine è quello di guidare gli operatori nella fase di individuazione del prodotto stesso e, se non esistente, ne generi la corretta codifica evitando ambigue e costose proliferazioni di codici.
  • SCHEMI DI CONFIGURAZIONE: definisce le regole di creazione e tracciabilità dei prodotti make-to-order e sovrintende il processo di creazione di tutte le possibili varianti e configurazioni di prodotto.

PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE (A.P.S. - Advanced Planning & Scheduling)
Il tradizionale sistema di pianificazione MRP-II, pur nella sua ancora valida applicazione per quelle Imprese che producono per magazzino (Make to Stock), non è più sufficientemente dinamico per adattarsi ai cambiamenti della domanda e del mix di produzione. La principale carenza di un sistema unicamente basato su MRP-II va cercata nelle prestazioni fortemente limitanti della logica di pianificazione che deve analizzare enormi quantità di dati e produrre altrettante informazioni. I risultati ottenuti, talvolta, nascono già superati dall’ultimo evento imprevisto che si è introdotto dopo la fase di elaborazione. Inoltre, per ottenere un piano MRP-II affidabile, si richiede che tutte le informazioni tecniche di prodotto siano corrette e puntualmente inserite prima dell’avvio della pianificazione.
A.P.S. è il sistema di pianificazione a capacità finita che garantisce, al Direttore di Produzione, nuovo potere di controllo e migliore possibilità di conduzione dei processi produttivi, sincronizzando le richieste di fabbricazione e la gestione congiunta di materiali e risorse disponibili. I primi immediati vantaggi di Panthera APS, si possono sintetizzare in 3 punti:

  • Verifica istantanea del livello di saturazione dei reparti
  • Coordinamento tra richieste di fabbricazione, disponibilità dei materiali, capacità di produzione
  • Aggiustamento continuo del Piano di Produzione quando il carico delle risorse eccede le capacità

I processi produttivi sono soggetti a circostanze che variano tra il guasto di un centro di lavoro e la rottura di stock di materiali: gli eventi critici di fabbrica. A questi, spesso, si aggiungono eventi critici di filiera quali, ad esempio,: ritardi di consegne da fornitori, saturazione della risorsa di conto lavoro.
Ogni evento critico è sollecitamente rilevato dal sistema APS che, in base a logiche configurate dai responsabili di produzione, reagisce proattivamente al loro manifestarsi; i modelli di reazione vanno dal semplice suggerimento ad eseguire un’azione, sino all’esecuzione dell’azione stessa.

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO (S.F.C. - Shop Floor Control)
La programmazione del piano produttivo è conseguente ai processi di pianificazione materiali e risorse; in questa fase si definisce su quali prodotti ogni risorsa, macchina o uomo, deve lavorare e per quanto tempo; in breve: le decisioni consolidate a livello tattico (pianificazione) costituiscono gli obiettivi da soddisfare a livello operativo mediante programmazione della produzione.
Il livello di controllo, invece, riguarda l’esame di “verifica” in linea del funzionamento del reparto produttivo o dell’intero sistema di fabbricazione. Tale attività prevede la verifica di condizioni critiche di funzionamento (ad esempio: un fermo macchina per guasto), eventuali attività di rischedulazione del programma di fabbricazione e, infine, la rilevazione dell’avanzamento di produzione in termini di risorse impiegate, ore lavorate, quantità prodotte. Le funzioni tipiche del processo di programmazione e controllo sono, pertanto, le seguenti:

  • Destinare ordini, attrezzature e personale ai centri di lavorazione
  • Stabilire la sequenza di lavorazione degli ordini
  • Avviare l’esecuzione dell’attività programmata
  • Rilevare le attività di reparto

Di conseguenza gli obiettivi del processo, in ordine di priorità, sono:
  • Rispettare le date di consegna
  • Massimizzare l’utilizzo di macchine e forza lavoro
  • Minimizzare i lead time, le scorte in corso di lavorazione, i tempi e i costi di attrezzaggio

Lo Schedulatore Panthera è il processo cardine sul quale ruota il sistema di programmazione della produzione. Permette la sequenzializzazione degli ordini considerando la disponibilità di risorse dirette e indirette a capacità finita. La schedulazione è calcolata secondo diversi algoritmi che si focalizzano sull’analisi delle risorse critiche (teoria dei constrain) e viene rappresentato attraverso il diagramma di Gantt del Piano di Produzione.
L’ambiente di simulazione aggiunge la facoltà di modificare il piano schedulato intervenendo sull’orizzonte temporale per lo spostamento di ordini o la riallocazione di risorse.



LOGISTICA

Sicurezza accessi informazioni strutturali
L’organizzazione logistica delle Imprese (W.M.S. - Warehouse Management System) è in costante adeguamento agli impulsi del mercato che, oltre a richiedere prodotti certificati di qualità, desidera un livello di servizio tendente a soddisfare requisiti di:

  • rapidità, tempi di evasione dell’ordine e velocità di consegna
  • disponibilità, quantità di prodotti disponibili a stock
  • regolarità, evasione completa degli ordini nel rispetto delle date promesse
Attualmente le Imprese possono decidere di mantenere i servizi logistici sotto diretta gestione (insourcing), piuttosto che affidare a terzi, in toto o in parte, il servizio stesso (outsourcing).
In entrambi i casi restano da soddisfare i bisogni primari di rapidità, disponibilità e regolarità del servizio verso i Clienti, quelli di approvvigionamento da Fornitori e di distribuzione dei materiali ai reparti produttivi interni o esterni.
Soluzioni di logistica tecnologicamente non adeguate alle dimensioni d’Impresa e alla realtà contingente dell’azienda possono portare a degrado di efficienza oltre che a investimenti il cui ritorno deve essere assorbito dai costi generali di produzione.


La movimentazione dei materiali è un fattore competitivo dell’Impresa i cui processi ottimizzati offrono ancora margini per il recupero di produttività, eliminazione di inefficienze e contenimento di dispersioni economiche.


Il sistema di Logistica, in Panthera, è orientato alla soddisfazione di 3 principali necessità:
  • Modellazione dei processi di gestione del magazzino sulle necessità dell’insieme Cliente-Prodotto,
  • Flessibilità dei modelli di gestione per la massima reattività dell’Impresa a soddisfare cambiamenti di mercato.
  • Totale integrazione su 3 fronti: i processi operativi attraverso workflow configurato, il sistema di gestione e, non ultima, la base dati aziendale, senza necessità di tecnologie (connettori) specifiche e asincrone per lo scambio di informazioni.

Il dominio applicativo di Logistica è composto da: GESTIONE MATERIALI E MAGAZZINI
  • Movimentazione materiali
  • Inventari ciclici
  • Valorizzazioni gestionali e fiscali
LOGISTICA OPERATIVA
  • Topografia magazzini
  • Mappe dinamiche delle ubicazioni
  • Missioni di movimentazione
  • Spedizioni
RADIOFREQUENZA
  • Codice a barre (Barcode)
  • RFID
Tutto ciò, in Panthera, soggiace alla realizzazione di concreti vantaggi:
  • governo completo di tutte le operazioni fisiche di movimentazione delle merci
  • ottimizzazione dell’intera volumetria disponibile di magazzino
  • rapidità e precisione nell’allestimento o ricevimento delle spedizioni
  • riduzione del costo di ogni singola attività di magazzino
  • accrescere la soddisfazione del Cliente

GESTIONE MATERIALI E MAGAZZINI
Il compito del processo di gestione materiali è quello di rilevare e tracciare le movimentazioni di magazzino sia dal punto di vista operativo che per gli aspetti fiscali, attraverso le funzioni di:

  • movimentazioni interne ed esterne
  • analisi delle disponibilità per magazzino o magazzini raggruppati per tipologia o geografia
  • gestione lotti e tracciabilità
  • inventari rotativi a magazzino aperto
  • valorizzazione periodica del magazzino
  • valutazione fiscale delle scorte secondo diversi criteri di calcolo
La gestione di magazzino consente, in tal modo, il pieno controllo di tutte le merci attraverso movimenti manuali e automatici, cui seguono le relative analisi atte a valutare lo stato attuale delle giacenze. Particolare rilevanza è data al sistema di gestione lotti dei prodotti identificabili a più livelli, dalla singola unità sino ad uno o più assiemi di produzione.
Il lotto di identificazione del prodotto è presente a qualsiasi livello del processo di lavorazione, dal momento del ricevimento sino all’atto della spedizione così da rintracciare, all’occorrenza, provenienza e destinazione delle diverse partite di produzione. Nei vari aspetti funzionali ogni processo assolve all’esigenza di ottimizzazione e controllo scorte in un’ottica più allargata di economicità, competitività e di redditività aziendale.

LOGISTICA OPERATIVA
La gestione logistica consiste nel disporre del prodotto corretto, nel luogo e nel momento richiesti, utilizzando modelli di ottimizzazione dei magazzini secondo le metodologie di material handlings (unità e mezzi di movimentazione) e con la definizione dei flussi operativi di deposito.
Perciò i processi di logistica, in Panthera si compongono dei seguenti sistemi: Topografia Magazzini e Configurazione

  • mappe dinamiche delle ubicazioni di magazzino
  • caratteristiche dei materiali
  • strategie e regole di movimentazione
La mappa di magazzino è indirizzabile a 3 livelli: corsia / colonna / piano entro le quali si colloca l’unità di stoccaggio, cella, descritta con tutte le caratteristiche, sia tecniche (dimensione, portata) che gestionali (unico lotto, monoreferenza, …).
MISSIONI DI MOVIMENTAZIONE
  • pianificazione, controlli e programmazione missioni
  • approntamento ID (etichettatura, barcode, RFID)
STOCCAGGIO
  • costituzione delle Unità di Carico
  • assegnazione automatica delle locazioni
MOVIMENTAZIONE INTERNA
  • spostamento materiali, reintegri picking
  • aggiornamento mappatura materiali
ALLESTIMENTO SPEDIZIONI
  • costituzione delle Unità di Spedizione
  • generazione delle missioni di prelievo
  • approntamento ordini (packing, packaging e documenti accompagnatori)
Le missioni di movimentazione, indirizzate da regole e strategie, sono ottimizzabili rispetto alla minore percorrenza e ai minori tempi per l’esecuzione della missione stessa.

RADIOFREQUENZA
È un moderno e articolato sistema di rilevazione dei dati di movimentazione mediante cui è possibile controllare e gestire i magazzini dell’azienda ad apporto di una migliore qualità delle struttura logistico produttiva. I prodotti e i riferimenti di movimentazione possono essere espressi sottoforma di etichettatura elettronica: codice a barre o microchip RFID in modo che opportuni terminali in radiofrequenza (wireless) intervengano nella rilevazione delle attività, impiegando gli operatori di magazzino all’esecuzione di compiti guidati. Con il sistema Radiofrequenza Panthera, l’azienda trae profitto in termini qualitativi e quantitativi poiché:

  • gli addetti alla logistica operano con puntuale precisione indipendentemente dall’esperienza e dalla conoscenza del prodotto,
  • la rete informativa dell’impresa è aggiornata tempestivamente con l’eliminazione degli errori referenziali di movimentazione.



PROGETTAZIONE E SVILUPPO PRODOTTO

Ad un efficiente sistema di PLM corrisponde rapidità nei processi di sviluppo e messa in produzione di nuovi prodotti; una risposta alla crescente competizione internazionale favorita dalle nuove applicazioni di supporto alle funzioni di ingegneria e al coordinamento collaborativo.
Dall’idea al mercato.
PLM, dunque, non è solo tecnologia specialistica a disposizione dell’Ufficio Tecnico dell’Impresa, ma una metodologia per organizzare e coordinare le attività di progettazione, di adeguamento tecnico, costruttivo e di controllo lungo l’intero ciclo di vita di un prodotto. Ogni Cliente non si accontenta di un prodotto per il mercato, bensì esige il proprio prodotto per i propri mercati; a complicare la situazione intervengono configurazioni che richiedono particolari attenzioni, quali: la richiesta di funzionalità specifiche e di varianti, spesso comunicate anche in corso di produzione, ritardi di programmazione e conseguente slittamento dei tempi di consegna. Ricerche di mercato attestano che, tra i prodotti che entrano in distribuzione, una percentuale compresa tra il 35% e il 40% manca i propri obiettivi di fatturato per i motivi esposti. Panthera PLM concorre a codificare processi e metodi per lo sviluppo di un progetto che sia fattibile e, dal punto di vista esecutivo, sostenibile dall’Impresa con i seguenti obiettivi:


Il PLM (Product Lifecycle Management) racchiude i processi di progettazione e sviluppo prodotto svolti, tipicamente, dal Reparto o Ufficio Tecnico dell’Impresa; includono sia le attività tecnico-organizzative per lo sviluppo di nuovi prodotti e l’adeguamento di quelli in vita, sia quelle di integrazione con i processi produttivi.

  • Integrazione delle attività di sviluppo e di produzione
  • Controllo e valutazione dei progetti
  • Qualità del prodotto dallo sviluppo e produzione sino alla manutenzione post-vendita

Il dominio applicativo Sviluppo e Progettazione Prodotto di Panthera è composto dai tre componenti:

T.D.M. – (Technical Document Management) GESTIONE DEI DOCUMENTI TECNICI

P.D.M. – (Product Data Management) GESTIONE DEI DATI DI PRODOTTO

P.L.M. – (Product Lifecycle Management) GESTIONE DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO
I vantaggi:
  • Soddisfazione dei tempi di realizzazione imposti dal mercato
  • Condivisione e utilizzo delle informazioni lungo l’intera Supply Chain
  • Incremento della soddisfazione del Cliente
La piattaforma PLM è pienamente integrata in Panthera e rappresenta l’anello di unione tra i sistemi dipartimentali di progettazione più diffusi (CAD) con il sistema gestionale.
Il progettista disegna il prodotto, ne definisce i livelli logici di produzione, attribuisce caratteristiche e codifiche ai componenti; il PLM traduce il disegno in modello produttivo e dati tecnici.

T.D.M.
GESTIONE DEI DOCUMENTI TECNICI (TECHNICAL DOCUMENT MANAGEMENT)

Il Reparto Tecnico è frequentemente impegnato ad acquisire informazioni per la progettazione o personalizzazione di prodotti da singoli Committenti; le specifiche sono riferite principalmente a dati tecnici e caratteristiche costruttive che vengono comunicate tramite documenti strutturati, comprendenti: capitolato, bozze di progetto e tabelle tecniche con macroschemi riferiti agli interventi di modifica. La progettazione e lo sviluppo applicativo generano, in tal modo, enormi quantità di dati che vengono spesso conservati su carta o su archivi elettronici dispersi in tutta l’azienda.
Il sistema TDM, quindi, concorre a gestire il ciclo di vita dei documenti, intendendo con ciò la creazione documentazione strutturata e, soprattutto, la corretta archiviazione, secondo regole sovrintese dal sistema TDM all’interno di un unico dossier. I vantaggi che l’azienda consegue sono molteplici quando si pensa che, in carenza di TDM, il 70% del tempo lavoro del progettista è destinato alla ricerca di dati già esistenti, ma difficili da reperire.


P.D.M.
GESTIONE DEI DATI DI PRODOTTO (PRODUCT DATA MANAGEMENT)

PDM è il sistema di governo del progetto e risponde all’esigenza di mantenere sotto rigido controllo i processi interni all’ufficio progettazione con quelli operativi dell’azienda, anche in contesti interaziendali di co-design. I progetti esecutivi sono resi disponibili a Fornitori di materiali e di conto lavoro tramite il servizio internet dell’azienda. La stretta integrazione tra l’applicazione tecnica di progettazione (il sistema CAD) e il sistema gestionale si manifesta nel momento in cui il progetto definitivo viene rilasciato e deve trasformarsi in modello produttivo: distinta tecnica di produzione. Le funzioni ascritte al sistema PDM sono quelle di tracciabilità, gestione e valutazione:

  • tracciare le richieste di modifica,
  • rintracciare disegni e tavole di progetto che debbono essere analizzate,
  • gestione dei processi di modifica del progetto,
  • gestione del versionamento di disegni e tavole,
  • valutazione della fattibilità delle modifiche.
Il sistema dispone di una propria struttura dati composta da elementi testuali e da disegni messa in relazione, attraverso regole di codifica, con i dati strutturati del sistema gestionale allo scopo di eliminare duplicazioni di elementi (codici di prodotto) e disallineamenti di contenuti (descrizioni e nomenclature).

P.L.M.
GESTIONE DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO(PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT)

Il sistema PLM racchiude le componenti TDM – gestione di documenti e disegni - e PDM – gestione di strutture, configurazione e processi di modifica - per misurare il ciclo completo di industrializzazione dei prodotti e il costo delle modifiche, stimato in fase di preventivazione e confrontato, a fine progetto, con il reale consuntivo costi.
Il Responsabile Tecnico si appoggia al PLM per definire il team di lavoro e le tempistiche di realizzazione, ottenendo il GANTT di Progetto.
Il Product Lifecycle Management è un processo di valutazione e di decisione:

  • valutazione dei costi e degli impatti delle modifiche
  • decisione se e come attuarle
PLM Panthera abilita gli addetti interni all’azienda e collaboratori esterni ad agire come un’unica organizzazione; costituisce la spina dorsale che sincronizza il sistema azienda con il ciclo di vita dei prodotti.

ISI engineering srl - via Sordello 25 - Oderzo (TV) - PIVA 02095540262